La Puglia e Apulia Film Commission per la ripartenza dell'Audiovisivo

Diverse misure a favore dell'audiovisivo: circa 5 milioni di Euro per agevolare le produzioni

Il Direttore Generale AFC Antonio Parente, la Presidente SImonetta Dello Monaco con il Governatore Emiliano e il cast di Si vive una volta sola

Il Direttore Generale AFC Antonio Parente, la Presidente SImonetta Dello Monaco con il Governatore Emiliano e il cast di Si vive una volta sola

Marco Spagnoli 10 aprile 2020

Sono tante le azioni messe in atto congiuntamente da Regione Puglia Apulia Film Commission per sostenere il settore del cinema e dell’audiovisivo, anche a seguito delle misure di contenimento del Covid-19. La strategia è strutturata su tre assi: aiuti alle imprese, sostegno per gli autori e iniziative per il grande pubblico. Sono state infatti approvate, ulteriori e importanti misure di film financing e sviluppo.


Nello specifico, per ciò che riguarda il primo asse le attività previste in regime di aiuti alle imprese, è stato deliberato dalla Giunta Regionale il nuovo Apulia Film Fund con una dotazione complessiva di 5 mln di euro, per agevolare le produzioni che intendono venire in Puglia a partire dalla ripresa delle attività di shooting. Apulia Film Commission è stata indicata come Organismo Intermedio della prossima misura al fine di gestire in forma più efficace e veloce il nuovo fondo.


Per quanto riguarda lo sviluppo di nuovi progetti in favore degli autori, sono 15 quelli ammessi per l’Apulia Development Fund. A esito della valutazione e sulla base dei punteggi ottenuti, considerato il momento particolarmente difficile per il settore, il Consiglio di Amministrazione dell’Apulia Film Commission ha deliberato, infatti, in via straordinaria di sostenere tutti i progetti ammissibili per la prima sessione, incrementando la dotazione finanziaria dell’Avviso. Per la seconda sessione i tempi sono imminenti, le nuove domande potranno essere presentate a partire dal prossimo 15 aprile 2020 e fino al 15 maggio 2020. 


Ancora a sostegno degli autori, dopo i sorprendenti risultati della prima edizione del Social


Film Fund, sviluppato insieme alla Fondazione Con il Sud, si è deciso, in accordo con la Regione Puglia, di rifinanziare il progetto e procedere alla nuova edizione del bando. Oggi il tema della fragilità e quindi il ruolo del terzo settore, è di grande importanza ed attualità e, quindi, le attività congiunte fra autori, produzioni e associazioni no profit previste dal bando potranno aprire a nuove visioni.


Sempre nell’ambito del secondo asse della strategia ma questa volta in relazione alle produzioni innovative, Apulia Film Commission in accordo con la Regione Puglia sta elaborando un nuovo bando con specifici strumenti per i nuovi formati digitali, il gaming e l’animazione. Si tratta del nuovo Apulia Shorts&Digital Fund, che mira a ricevere proposte incentrate sui nuovi formati, anche in relazione alle modalità di consumo e fruizione digitale.


Non ultimo ci sono le attività rivolte al grande pubblico che Apulia Film Commission ha programmato per il prossimo futuro. Si stanno implementando numerose attività di fruizione digitale, insieme alla più classica messa in onda di prodotti made in Puglia su canali ed emittenti televisive nazionali e regionali, su piattaforme on-line e sul canale Youtube della Fondazione. E’ in programma la diffusione on-line dei prodotti originali AFC (produzioni audiovisive, masterclass e altro) riservandone un primo utilizzo, nel caso dei prodotti audiovisivi originali AFC e con un’apposita piattaforma di diffusione in rete, al mondo dell’esercizio cinematografico pugliese, oggi in grande sofferenza e che ha bisogno di non smarrire la relazione con il proprio pubblico.


Si sta programmando, infatti, la realizzazione e la diffusione in streaming di rassegne cinematografiche e contenuti d’Autore digital. Infine, insieme a moltissime nuove imprese e importanti professionisti del settore, AFC sta promuovendo una sorta di Polo produttivo del digitale che ha come output la nascita di una rete di imprese (Animation, Gaming, contenuti Cross-mediali e Post Produzione). La rete avrà la sua vetrina e molte attività pubbliche all’interno della nuova Apulia Film House, della quale è stata rinviata l’apertura a causa dell’emergenza sanitaria.


Di carattere più generale e nell’ottica di un possibile intervento innovativo finalizzato a favorire la ripresa produttiva dell’industria audiovisiva in Puglia, è stato avviato lo studio di fattibilità e sostenibilità relativo alla realizzazione di infrastrutture innovative nella nostra regione (teatri di posa, water tank, nuovi Cineporti). Lo studio è affidato dalla AFC e dalla Regione Puglia all’agenzia regionale ASSET e mira a concepire nuovi spazi adeguati ai sopravvenuti standard produttivi e di sicurezza cui l’Industria dovrà inevitabilmente misurarsi.


Un carattere più generale hanno le ulteriori misure a sostegno delle maestranze per la filiera audiovisiva. La Regione Puglia, al fine di sostenere i lavoratori intermittenti  ha attivato la piattaforma regionale sul sistema SINTESI per la presentazione delle domande di Cassa Integrazione in Deroga anche nel settore del cinema e dell’audiovisivo. Tale misura si aggiunge al bonus Inps previsto dall’art. 38 del D.L.18/2020. In più, anche per i lavoratori pugliesi colpiti dalla crisi, Netflix e Italia Film Commission, della quale AFC è socia, hanno creato un fondo per la Tv e il Cinema di 1 milione di euro (messo a disposizione da Netflix) per il sostegno alle maestranze del comparto (elettricisti, fonici, montatori, truccatori, ecc.


dopo il black-out from Marco Spagnoli on Vimeo.



I Progetti Finanziati

La Regione Puglia e la Fondazione Apulia Film Commission comunicano che sono pubblici gli esiti della valutazione dei progetti relativi alla III e IV Sessione 2019 dell’Avviso Pubblico Apulia Film Fund 2018/2020, a valere sull’azione 3.4 “Competitività delle piccole e medie imprese” del POR Puglia 2014-2020, Asse prioritario III “Interventi di sostegno alle imprese delle filiere culturali, turistiche, creative e dello spettacolo”.

 


Per la III sessione 2019 sono quindi 8 i progetti finanziati: “Fascinazione” (HT Film) del pugliese Domenico Emanuele De Feudis; la serie tv “Gli orologi del diavolo” di Alessandro Angelini; il documentario “The best day” (produzione pugliese Beagle Media) di Ivica Vidanovic; la puntata pilota della serie “Rosso” (Mediterraneo Cinematografica) di Lorenzo Punzoni. Infine, quattro cortometraggi: “Super Jesus” (produzione pugliese Sviluppo Apulia Imprese) del regista pugliese Vito Palumbo; “Di notte sul mare” (produzione pugliese Altre Storie) di Francesca Schirru; “40 Cent” (Bedeschi Film) di Alberto Poli; “Il tocco dello sciamano” (produzione pugliese Draka Production) della regista pugliese Serena Porta.   


 


Per la IV sessione 2019, vengono quindi finanziati tutti i 13 progetti filmici ammessi in graduatoria a iniziare dalle due coproduzioni internazionali di lungometraggi: “In un mattino quasi limpido” (Tea Time Film) di Bruno Dumont  e “Street Food” (Tempesta Film) di Victoria Thomas. Si prosegue con “Ciccio Paradiso” (Lebowski Film) di Rocco Ricciardulli; “L’invenzione della neve” (50 Notturno) di Vittorio Moroni; “Oltre il confine” (produzione pugliese Scirocco Film) del regista pugliese Alessandro Valenti; “Generazione Neet – La banda della Marana” (Cydia) di Andrea Biglione; “Bentornato papà” (produzione pugliese Altre Storie) di Domenico Fortunato. Due i documentari: “Il violoncello rubato” (Aki Film) di Esmeralda Calabria e Mirko Pincelli; “Il tempo dei giganti” (produzione pugliese Dinamo Film) dei registi pugliesi Davide Barletti e Lorenzo Conte. Tre, invece, i cortometraggi: “Pluto” (produzione pugliese Clickom) del regista pugliese Ivan Saudelli; “L’estate di Virna” (Santa Ponsa Film) del regista pugliese Alessandro Zizzo; “Senza nome” (produzione pugliese Oz Film) di Gisella Gobbi. Infine, la serie pilota “Willy & Nilly – L’orologio senza ora” (produzione pugliese Dibidi World) di Andrea Castellani. 


 


Alle misure finanziarie a sostegno delle imprese della filiera audiovisiva, si aggiungono anche quelle contenute nella Delibera n. 343 del 10 marzo 2020 che ha disposto, per i beneficiari che ne faranno richiesta, il rinvio di 12 mesi degli adempimenti prescritti e connessi agli investimenti cofinanziati dalla Regione Puglia nell’ambito delle misure denominate “Avviso Pubblico Apulia Film Fund 2017” e “Avviso Pubblico Apulia Film Fund 2018/2020. I beneficiari interessati potranno, infatti, richiedere il rinvio di uno o più adempimenti, previsti da bando e/o disciplinare. Contestualmente Apulia Film Commission, in accordo con l’Assessorato e il Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia, al fine di agevolare gli adempimenti e velocizzare le liquidazioni ai beneficiari del fondo, ha realizzato una ricognizione generale su tutte le produzioni beneficiare dei contributi del Film Fund dal 2016 al 2020.