Cecchi Gori riacquisisce alcuni diritti delle società americane

La corte fallimentare californiana condanna per condotta fraudolenta due ex collaboratori di Vittorio Cecchi Gori: sottratti soldi e asset alle due società americane del produttore. 

Vittorio Cecchi Gori in una scena del doc a lui dedicato 'Cecchi Gori - Una famiglia italiana' prodotto da Bielle Re

Vittorio Cecchi Gori in una scena del doc a lui dedicato 'Cecchi Gori - Una famiglia italiana' prodotto da Bielle Re

Marco Spagnoli 1 giugno 2020



La corte fallimentare di San José in California ha condannato due ex collaboratori di Vittorio Cecchi Gori (Giovanni Nappi e Gabriel Israelovici) per aver defraudato le due società americane del Gruppo (Cecchi Gori USA e Cecchi Gori Pictures), attualmente in liquidazione negli Stati Uniti
I due sono stati condannati a restituire alle società del produttore toscano 21 milioni di dollari.


La corte statunitense ha inoltre disposto la restituzione alle società Cecchi Gori di tutti gli asset che fraudolentemente erano stati sottratti e trasferiti a società di comodo. In particolare il marchio, i diritti su soggetti e sceneggiature ( tra i più’ rilevanti “ Ferrari”), nonché diritti di remake di capolavori come “ Il Sorpasso” e “ Seven” . Una buona notizia 
per la Cecchi Gori, il cui fondatore, Mario Cecchi Gori avrebbe compiuto 100 anni lo scorso marzo. 






L'avvocato Gianfranco Passalacqua, legale italiano di Vittorio Cecchi Gori spiega “La sentenza dell’autorità giudiziaria californiana è stata accolta con soddisfazione da Cecchi Gori (attualmente agli arresti domiciliari per la condanna definitiva per bancarotta), che adesso intende procedere penalmente nei confronti dei due ex collaboratori. 






“Auspochiamo - continua il legale -  che alla fine possa essere fatta luce su tutte le vicende che lo hanno riguardato, anche attraverso la loro rivalutazione processuale.


Intanto si augura che progetti in cantiere come “ Ferrari” e il remake del “Sorpasso” possano vedere finalmente la luce. Porremo particolare attenzione a tutte le implicazioni derivanti dalla sentenza emessa negli USA, ivi comprese quelle connesse alla titolarità dei diritti di riproduzione della library cinematografica su piattaforma internet “ conclude l’Avvocato Passalaqua che segue da molti anni le vicende di Vittorio Cecchi Gori su cui è stato presentato, all'ultima Festival del Cinema di Roma, il documentario 'Cecchi Gori - una famiglia italiana'.